Research Lab on the International Meeting Industry – LAMCI

Presentazione in italiano

Laboratorio di analisi del mercato congressuale internazionale - LAMCI

Il laboratorio è un progetto sviluppato da ASERI in collaborazione con Fiera Milano Congressi, azienda del Gruppo Fiera Milano, leader italiano dal 1994 nella gestione dei centri congressi di rilevanza internazionale.

Obiettivo e attività

L'obiettivo fondamentale del laboratorio è quello di analizzare in modo continuativo il settore europeo degli eventi congressuali, specialmente quelli di grandi dimensioni. A questo scopo il laboratorio si propone di raccogliere dati sul campo e di organizzarli sistematicamente per fornire una descrizione esaustiva dei fenomeni e delle tendenze più rilevanti del settore. 

I rapporti di ricerca del LAMCI dal 2011 al 2013

Nel corso degli ultimi tre anni il LAMCI ha condotto ricerche finalizzate ad approfondire la conoscenza del settore congressuale europeo dal lato dell'offerta e ha realizzato i seguenti rapporti di ricerca.

  • 1. P. Bensi - R. Nelli, I caratteri strutturali delle sedi congressuali di grandi dimensioni in Europa, LAMCI Research Report, Ottobre 2011.
    Questo primo studio ha rilevato le caratteristiche strutturali delle sedi congressuali europee di maggiori dimensioni - ovvero aventi una capacità di almeno 2.000 posti in seduta plenaria nello spazio più grande secondo una configurazione della sala a teatro - ed è estesa ai 35 paesi dell'Europa Occidentale, Orientale e del Bacino del Mediterraneo, inclusa la Federazione Russa. Per ogni sede congressuale sono stati raccolti dati riguardanti la localizzazione, i principali aspetti relativi all'accesso della sede, la struttura proprietaria e la società di gestione, il numero e la capacità massima in configurazione a teatro di sale conferenze, sale riunioni, auditori e arene, i dati relativi all'area espositiva, la superficie interna di auditori e arene, la superficie complessiva adibita a congressi e le informazioni relative al servizio di ristorazione. I dati sono stati quindi elaborati a livello di Paese, di città, di tipologia di sede (classificata in Fiere/congressi, Centro congressi, Teatro/centro culturale, Arena/centro sportivo, Hotel e Altro) e di struttura proprietaria delle sedi (classificata in pubblica, privata o mista).
  • 2. P. Bensi - S. Oliva - R. Nelli, An analysis of European cities as congress destinations, LAMCI Research Report, June 2012.
    Questo secondo studio ha fornito per 25 città europee una vasta serie di informazioni su quei caratteri urbani indispensabili per determinare l'attrattività di una città come destinazione congressuale: le variabili analizzate sono state di tipo demografico, economico, culturale, turistico, con una particolare focalizzazione sugli indicatori del turismo di tipo business e congressuale. A livello congressuale sono stati analizzati per ogni città, oltre agli eventi ICCA-International Congress and Convention Association, il numero di eventi fieristici e, quando disponibili, il numero totale di meeting con il relativo numero di delegati e i dati economici dei centri congressuali con una capacità di almeno 2.000 posti in seduta plenaria.
  • 3. P. Bensi - S. Oliva - R. Nelli, A network analysis of European cities as congress destinations, LAMCI Research Report, March 2013.
    Questo studio si è posto l'obiettivo di verificare se la forza di una città nell'attrarre eventi di media-grande dimensione dipenda, oltre che dalle già analizzate caratteristiche strutturali e turistiche, da fattori relazionali tra le città stesse. Le città considerate sono state le prime 15 del ranking di ICCA 2011 e i legami tra di esse sono stati costituiti dai congressi associativi che almeno in un anno nel periodo 2005-2014 hanno raggiunto i 1.500 delegati, per un totale di 1.391 eventi presi in esame. Lo studio condotto mediante la metodologia della network analysis ha previsto due analisi separate, una relativa agli eventi a rotazione mondiale e l'altra relativa agli eventi a rotazione europea.
  • 4. P. Bensi - R. Nelli - S. Oliva, Milano e i congressi internazionali. Posizionamento in Europa e impatto economico, LAMCI Research Report, Maggio 2013.
    Lo studio ha previsto due ambiti separati di ricerca.
    Il primo ha descritto il posizionamento di Milano e delle prime 20 città europee per numero totale di eventi associativi, rilevati da ICCA nel periodo 2007-2011, mediante l'indicatore di sintesi elaborato appositamente dal LAMCI e definito Congress Destination Index, che riassume alcune delle più importanti variabili di tipo turistico e congressuale. L'analisi ha messo in luce i punti di forza e di debolezza di Milano, rispetto alle città congressuali europee, con riferimento all'offerta sia di tipo turistico che di tipo congressuale.
    Il secondo ambito di ricerca ha riguardato la misurazione dell'impatto economico di 5 congressi associativi tenutisi presso il MiCo nel periodo da maggio a novembre 2012, che complessivamente hanno portato a Milano 27.000 delegati (pari al 18% dei partecipanti a tutti gli eventi che si sono svolti presso il MiCo nel 2012), dei quali 20.400 provenienti dall'estero. La ricerca ha analizzato l'impatto economico diretto e indiretto dei 5 congressi e ha stimato la spesa media giornaliera dei delegati internazionali e nazionali a livello complessivo e per le diverse voci di spesa.

I progetti del LAMCI in corso si pongono l'obiettivo sia di approfondire la conoscenza delle relazioni all'interno del settore congressuale europeo, sia di sviluppare l'analisi dell'impatto delle attività congressuali sull'economia dei territori di destinazione.